08 giugno 2008

LA SCUOLA PRIMA DI INTERNET: 1° PUNTATA

Viaggio semiserio tra i ricordi di scuola, nell'epoca pre-internettiana e pre-mms, quandu non c'era la possibilità di documentare con filmati o immagini le valentizze scolastiche compiute dagli alunni o le stranezze dei professori. Eppuru, il materiale (se nd'aviti, mandatilu) di certo non mancava.....

NDI VIRIMU O' TEMPU 'ILL'UVA! [alias RU ZIBIBBU!] *


'A scola finìu. Tra pochi iorna ci saranno i verdetti:promossi, bocciati e chi dovrà ricuperari i debiti.
Comu? Debiti? Eh sì, pari chi ora puru i figghioli chi vannu a scola hanno i loro bei debitucci. Malanova chi tempi! Con la nuova riforma scolastica, liberamente ispirata alla tecnica bancaria (tantu, ormai sunnu i banchi chi cumandunu), oltre ai crediti formativi -vali a diri 'i materii che ti tocca sturiari- nci sunnu puru i debiti formativi.
Forsi -pinsaia ieu- li chiamano debiti per fare abituare i ragazzi a quello che li aspetta una volta diventati adulti.
Ne parlavo qualche iorno fa cu ddu' prufissuri, i quali mi hanno riferito chi 'sti 'mari 'ndebitati, a' fini d'agostu, dovranno sostiniri appunto una prova di virifica, per appurari si hanno saldato il loro debito con...l'ignoranza.
'Na vota si chiamavunu esami 'i riparazioni, per i quali si viniva rimandati a settembri.


E proprio pinsandu a questa circustanza, mi vinni in menti un grandi ed indimenticabili prufissuri di fisica, che hanno conosciuto anche diverse generazioni di scigghitani chi hannu frequentatu l'I.T.G. "A. Righi" di Reggio.

Personalmenti, non l'ebbi comu prufissuri, ma i suoi metodi "eccentrici" e alquanto alternativi, sono oramai divenuti vere e proprie leggende.
Per raccontare tutti questi episodi -tutti reralmente accaduti, ma sicuramente in parte oggetto di enfatizzazioni tipiche dei racconti tramandatisi per via orale- nci vulissi un intero sito e pirciò mi limiterò a ricordarne solo qualcuno. Per i motivi di cui sopra, mi scuso fin d'ora per eventuali inesattezze.

-'A 500. Il suo mezzo personale di trasporto era 'na Fiat 500 ('i chiddhi 'i 'na vota), che però non poteva certo essiri normali. Infatti, il sedile lato passeggero era 'na seggia 'i barberi, con tanto di poggiatesta.
Dovete poi sapiri che, quandu finivunu 'i lizioni, non c'era iornu chi 'a truvava aundi l'aviva lassatu, poiché 'sta 500 viniva letteralmenti scapulata dagli alunni giù per la discesa chi ru Trabucchettu 'rriva finu a Reggio Campi, in un'originale applicazione pratica delle leggi fisiche che regolano il moto di un corpo ('a 500) su un piano inclinato ('a calata, appuntu).
Un'altra variante era quella chi viriva la 500 girata di traversu, a bloccari 'u trafficu.


-Leggi del moto, aerodinamica e... traiettoria nto corridoiu. Ogni matina, 'u Prufissuri 'rrivava a scola cu stessu vistitu niru gessatu, giacca e cravatta e, sutta o' brazzu, 'na borsa portadocumenti ca cernera. Aviva 'na caminata strana, chi però non era dovuta a un difettu fisicu, bensì a un precisu studiu di aerodinamica e leggi del moto applicate. Pari chi 'u fundu ra borsa fussi pisanti e dotatu di impugnatura particolari, in manera da equilibrari la piegatura del corpu (tipu Valentino Rossi) nell'affrontari la curva a 90° chi conduciva in sala prufissuri.
Non basta. Tali piegatura era 'ccumpagnata da un allargamentu di brazza tipu aeroplanu (aviti presenti a Vincenzino Montella? copiau ru Prufissuri), cusì da tagghiari l'aria e permettiri una veloci percorrenza del corridoiu ed un arrivu in perfettu orariu per l'iniziu ra lizioni.

-'U scudu marinu e 'a machina ra scherma. Cchiù 'i 'na vota, nel periudu estivu, è stato avvistatu nel nostru mari scigghitanu, mentre andava 'i Munacina o' Casteddhu nuotando con una strana attrezzatura. No, non erunu né pinni, né maschiri, né salvagenti. 'U prufissuri 'nnatava cu nu scudu speciali che -a detta so'- sirviva a fendere meglio le onde, in modo da eliminare la resistenza del fluido marino.
Altre prodezze degne di nota erano quelle chi 'u Prufissuri nostru compiva cu 'na speciali machina che si era costruito in ambitu casalingu: 'a machina ra scherma. Era nu marchingegnu contro il quali 'u Prufissuri incrociava la propria spada, con risultati chi però non dovivunu essiri tantu boni, vistu chi, dopu ogni sfida, si prisintava a scola cu mani e brazza tagghiati e/o singhiati dalla machina chi iddhu stessu aviva 'mbintatu.

-Le proporzioni e Mennea. Interrogazione di fisica, con calcoli da eseguire su apposito foglietto da firmare e consegnare perchè fosse tenuto come fonte di prova da presentare ai colloqui con i genitori, ai quali però non andava mai nessuno, per non sentirsi regolarmenti chiamari "Sceccu!" davanti a mamma e papà.
Per farsi un'idea preliminare sulle capacità intellettive dell'alunno di turno, poneva una semplice domanda: "Quantu pisi?" Risposta:" 50 kg." Proporzione: "5 grammi 'i ciriveddhu!"
Seguivano semplici esercizi da risolvere, tipu: "Se Mennea curri 100 metri in 10 sicundi netti, tu [riferito all'alunno di turno], cu nu motorinu SI Piaggio di 50 cc., a chi velocità ha iri mi 'rrivi a para?" [risposta: 36 km/h senza ventu e senza considerari l'attritu ra pista].

- 'A viristu 'a scintilla? Prova di laboratorio sull'elettrostatica (o qualcosa di simili). 'U Prufissuri, sempre in gessato nero con giacca e cravatta, girava 'na manuvella che azionava 'na specii di rota, la quali stricandu cuntra altra superfici 'nduruta, produciva 'na scintilla. Gli alunni, mi si passunu 'u tempu, si mettono d'accordo, da perfetti calabrisi:"Figghioli, se ndi spìa, nuddhu vitti nenti."
U' Prufissuri 'ccumincia a macinari e, a 'n certu puntu, scoppia 'na scintilla -cu tantu di fumu. 'U Prufissuri, si ferma e spìa: "'A viristu 'a scintilla!?" gli alunni in coro calabrisi: "No, non vittimu nenti". Insomma, la cosa andò avanti per tre o quattro volte, con il professore che, sempre più preoccupato e sudato -quasi al limite dell'infarto, per lo sforzo sostenuto- chiedeva continuamente: "'A viristu 'a scintilla?". Alla fine, sconfortato dalle risposte sempre negative, il Professore si convinse chi ddha machina non valiva cchiù nenti e chi l'avrebbi dovuta cangiari.

- I compiti in classe e...'a giardinera. Quando si svolgevano i compiti in classe, 'u Prufissuri si mintiva supr' 'a porta o faciva quattru passi in corridoiu, rimanendu comunqui nelle vicinanze. Di tantu in tantu, il silenziu veniva rotto da qualche spiritusu che faceva dei versi, pronunciando il suo nome. 'U Prufissuri turnava subitu arretu e perentorio, con voce rabbiosa minacciava: "Mi pari a mia chi a 'n cacch'unu 'u bocciu!". Poi, se capitava ch'era ura di ricreazioni, mentri l'alunni ittavunu sangu ampestru a...Mennea, 'u Prufissuri 'llargava 'u fazzulettu ('mpaddhatu e già sciusciatu), iapriva 'a borsa ri documenti e nisciva...pani ca giardinera sutt'ogghiu. E bon' appitittu!

-Ndi virimu o' tempu 'ill'uva! [alias ru zibibbu!.] Arrivava la fine dell'anno e dopo l'ultima interrogazione, 'u Prufissuri dava i suoi responsi. Chi durante l'anno aveva studiato, bene (ma erunu pochi). La maggior parte, che faticava a seguire i suoi metodi alquanto particolari, viniva rimandatu a settembri, all'esami di riparazioni."Mi dispiaci.......[alunno di turno], dincillu a to' patri. Ndi virimu o' tempu 'ill'uva!" [alias ru zibibbu!]

*N.B.: In ricordo del Prof. Alberto Buccafurri.

**P.S.:Un ringraziamento agli amici Nino e Leo per la "consulenza storica"

19 commenti:

Anonimo ha detto...

Che sia rimasto nella storia dev'essere vero. E' l'unico professore che mi ricordo di aver sentito nominare a mio fratello.

Ora mi rivolgo a sti figghioli i oggi chi a scola si portunu u telefoninu , u brain trainer, l’ipod e forse la PLEI… e nan portunu i libri!!! e sputtunu u prufussuri chi avi u telefoninu cchiu scarsu (l’uso è, ovviamente, vietato dal ministero e ovviamente tutti ce l’hanno acceso, con vibrazione quando va bene, compreso “u prufussuri”) Ambeci mi fannu filmini ad alta definizione infamanti su stringhe che fuoriescono dai pantaloni delle prof alla moda o su altri originali metodi di insegnamento… (ormai i metodi sono vari e purtroppo Benigni e Bisio in cattedra non ndavimu assai)... putivunu usare le luci della ribalta solo per i prof simpatici e sugli altri… tacere. Si sapi chi i prufussuri sono categoria a rischio esaurimento. Purtroppo - mi si curunu l’esaurimentu - usano l’arma impropria del certificato medico spesso e volentieri.

Ma quello che è un vanto dei prof è proprio la memoria ri figghioli, chi si ricorda i loro nomi? Complimenti al professor Buccafurri, che faceva il fesso mi nci nzigna ‘ncaccosa e figghioli, prendendoli dal loro lato ludico e ingegnoso. Immagino quella scuola di maschi “chi cinima chi era”.

Una cosa sui telefonini volevo dire: non so voi, ci hanno un po’ inguaiato la vita. Questo è il mio pensiero. Si stava meglio prima. E poi mi piace la raccomandazione: quando entrate a scuola spegneteli, altrimenti non socializzate. E state buoni se potete.

Mariateresa

Peppe I. ha detto...

Molti dei suoi alunni lo ricordano con simpatia, altri furono "trombati" e dovettero riparare a settembre... di certo si ricorderà che non ha mai bocciato a settembre e la sua disponibilità nei confronti di chi non lo prendeva in giro..
Purtroppo è da poco scomparso ma rimmarra il ricordo indelebile di un uomo di grande intelligenza segnato da un destino avverso.
ps
non era il tempo dell'uva ma "o tempu ru zzibbibbu"

Anonimo ha detto...

Ho letto divertito questo blog perchè anch'io sono stato a contatto con il prof. Buccafurri e ricordo bene tutti gli episodi citati.
Poichè sono uno di quelli che sono stati rimandati a settembre in fisica per ben 2 volte ricordo ancora meglio, proprio i particolari legati a questo fatto e voglio precisare, quindi, che quando si delineava all'orizzonte la prospettiva della bocciatura, il prof. diceva: "nd' virimu o tempu ru zibbibbu" (e non "uva").
In alternativa, diceva: "nd' virimu a ottobri" (malgrado gli esami di riparazione si svolgessero notoriamente a settembre).
Lo studente che non riusciva a prendere mai la sufficienza veniva, inoltre, preparato al triste epilogo dell'anno, mediante continui e minacciosi messaggi del tipo: "Tabbocciu!!!!".

Fui rimandato a settembre al primo anno e... durante l'estate, quando (secondo lui) io dovevo essere 24 ore su 24 a casa a studiare per l'esame di settembre, verso metà luglio, mentre passavo col mio "SI" truccato da piazza Matrice, lo vidi uscire dalla farmacia e dirigersi verso la famosa 500 col sedile da barbiere. Lo salutai educatamente ma lui sembrò non accorgersi di me, quindi lo risalutai a voce più alta e lui, ancora senza salutare e senza alzare lo sguardo da terra, disse: "ta mparast'a fisica?" e se ne andò!

u nonnu ha detto...

Grazie all'anonimo e a Peppe per la correzione.
L'ho subito apportata, propriu pu rispettu dovutu o'Prufissuri e alla sua spontaneità palesemente riggitana, condita da un umorismo velato da una vena di malinconia.
Se avete altri aneddoti simpatici, mandateli pure, credo sia il modo migliore per ricordare un personaggio davvero speciale.
Sono sicuro che, se fosse ancora tra noi, ne sarebbe contento.

Anonimo ha detto...

Chi lo ha conosciuto non può non ricordarlo con immenso affetto. Tutt'oggi con i miei ex amici di scuola ne parliamo ricordandoLo e non possiamo che sorridere ripensando quella "singolare figura" che era il NOSTRO professore Alberto. Mi risulta che è passato a miglior vita è questo mi rattrista tanto. C'era chi lo definiva matto, anche tra il corpo docenti dell'I.T.G. A. Righi. Ebbene occorre ricordare, soprattutto ai tempi d'oggi, che quella dei così detti pazzi, sono sempre le anime più belle, e chi ve lo dice è colui al quale disse "ndi virimu o temp'illuva". E fu di parola. Ciao prof. Alberto e, come dicono a Bolzano, statt bbuon o' munn ra vrità. Tuo alunno rimandato e poi promosso (grazie ancora ...)Leo.

Anonimo ha detto...

Per alcuni alunni, la paura di essere rimandati a settembre diventava rassegnazione e... sulle pareti imbrattate delle aule, si potevano leggere perfino laconici pensieri come: "sotto l'ombrellone ci portiamo la fisica di Albertone"



(Che amarezza!!!)

Anonimo ha detto...

Un mio amico/compagno di scuola, dopo aver letto questo blog, mi ha rammentato un'altro episodio ricorrente nella 1A 87/88.

Vi erano 3 alunni il cui cognome iniziava per "MA..." ed uno di questi ero io (Martello). Per uno strano destino, tutti e tre non eravamo brillanti in fisica.
L'Albertone colse la ghiotta occasione per sfottere anche in questo caso e così, per tutto l'anno ci assillò con la frase:

Malaspina...
Martello...
Marvelli...
Ma... comu "Malusignu" candu mi ricordu comu vi chiamati!!!

Il nostro destino era tristemente segnato!!!

Anonimo ha detto...

... e vogliamo parlare dei compiti in classe o delle interrogazioni?

Tanto per cominciare, non vi era preavviso! Ossia, ogni giorno, a sorpresa, era buono per fare una verifica, ed era terrificante (per me).
Quando c'era da interrogare, il prof. entrava in classe e, con aria maliziosa, avvicinandosi al banco di una delle ragazze, diceva: "Signorina, che bello questo vocabolario" riferendosi al vocabolario poggiato sul tavolo, "me lo posso prendere?" e senza attendere il consenso richiesto, lo sollevava, lo portava dietro la sua schiena e lo manipolava disordinatamente. Quindi si fermava e domandava alla ragazzina di fronte: "signorina, porta o finestra?". La signorina, terrificata rispondeva a caso: "finestra". Il prof. allora tirava fuori il vocabolario da dietro la schiena, aperto su una pagina a caso, lo riponeva sul banco e leggeva il numero della pagina aperta dal lato della finestra. Poi domandava quanti fossero i presenti "oggi" e divideva il numero della pagina per i presenti. Il resto della divisione era il numero dell'appello del registro di classe, corrispondente al malcapitato che quel giorno sarebbe andato alla forca per l'interrogazione. Il rito si concludeva con la frase "Pigghiti u fogghiu e ven'avanti" che sanciva la morte psicologica del malcapitato.

T@to ha detto...

Compare, chiedo pirdonanza in caso mi fagliasse la memoria, ma è lo stesso prufissuri che in modo assai pragmatico e qunatomai geniale riuscì a spiegare a voi 'gnoranti l'arcano concetto di VISCOSITA'?
Se sì, ti pregherei di 'ggiutare tale 'pisodio a quelli già narrati, ovviamente alla tua manera.

Marcello ha detto...

Vorrei ricordare anch'io con grande affetto il grande Prof Buccafurri. Un professore pieno di umanità di cui tengo un grande ricordo. Purtroppo tanti lo consideravano un pazzo, ma in realtà era forse l'unico o comunque uno dei pochi che del corpo insegnante ci voleva bene. Tutto quello che faceva era per il nostro bene. Di professori, in seguito a Buccafurri, ne ho visti tanti ma ne ricordo veramente pochi come lui. Ricordo sempre con simpatia quando lo incotravo al bar della scuola e nel suo caffé metteva sempre tantissimo zucchero per far "precipitare" la caffeina.
Prof. Buccafurri, grazie di tutto.

u nonnu ha detto...

Mi fa piaciri assai che il ricordo di un grande professore abbia scatenato tutti questi interventi.
Caro Tato, al momento 'sta cosa ra viscosità mi sfuggi.
Comunqui, inviterei uno degli alunni del tempo a rinfriscarci la muruddha.

Anonimo ha detto...

Non ricordo nemmeno io la storia della viscosità a cui allude Tato.
Magari ne sanno qualcosa Peppe I. e Marcello (miei compagni di classe)

Giuseppe

bucca ha detto...

Vorrei ringraziare l'autore del blog e coloro che hanno scritto i commenti, divertenti ed affettuosi, che ricordano Alberto, primo cugino di mio padre, persona di speciale valore, di burbera gentilezza, di perfettamente disordinato ordine mentale, di incomprensibile ingegno, di aggressiva e tenera insicurezza.

Io oggi insegno presso l'Università di Reggio Calabria,
e, avendo lo stesso cognome, sono orgoglioso di condividere con lui anche il titolo di Prof., avendo ammirato fin da piccolo la sua
unicamente straordinaria intelligenza.


Francesco Buccafurri

Anonimo ha detto...

Conoscevo il prof. Buccafurri ma non ero suo alunno...Un pomeriggio a scuola con mia madre per il colloquio con i professori
mi incrocia nel corridoio e mi dice senza neanche guardarmi in faccia A undi vai cu sti capiddi? Io portavo i capelli molto lunghi mi venne da sorridere e lo salutai Buonasera professore e lui Ai Ai Sentu sciaru i zibibbu.
Al che con aria trionfale io sentendomi scaltro Mi dispiace professore ma non sono vostro alunno! E lui con grande tranquillità : E ti sarvasti!!

Anonimo ha detto...

SONO STATO SUO ALUNNO DAL 1988 AL 1991 E DI SEGUITO CITO IN BREVE ALCUNE DELLE SUE ESPRESSIONI STORICHE CHE CI FACEVANO SPACCARE I RENI DAL RIDERE:1)A SIGNURINA CAVADDA AUNDè.COSì DOMANDAVA QUANDO NON VEDEVA UNA NOSTRA COMPAGNA IN CLASSE AL SUO ARRIVO MATTUTINO.LA SOPRANNOMINAVA COSì PERCHè QUESTA MIA COMPAGNA ERA DI ASPETTO ATTRAENTE BELLA RAGAZZA ALTA INSOMMA.2)PROFESSORE MI METTETE 6 ?CHIEDEVA UN MIO COMPAGNO DOPO L'INTERROGAZIONE!E LUI RISPONDEVA CALA!!!!SETTI MAMAU TI MENTU.3)PROFESSORE POSSO ANDARE IN BAGNO?NO!DOPO 2 MINUTI PROFESSORE POSSO ANDARE IN BAGNO?TI RISSI NO!!DOPO 10 VOLTE A CHIEDERE DI POTER ANDARE IN BAGNO ,LUI RISPONDEVA ,E VAI VAI TANTU PI TIA O INTRA O FORA A STESSA COSA è.

Domenico Calabrese ha detto...

Mi ricordo benissimo del mio " prufissuri buccafurri",e mi rattrista sapere che non c'e' +.
Di lui ho bellissimi ricordi e aneddoti che rimaranno nella mente di chi lo ha conosciuto,un paio li voglio condividere con voi:
ricordo un giorno che dovevo essere interrogato su vasi comunicanti o moto rotatorio , e lui,Alberto, diceva: "Chi voi ,a palla chi gira ,o l'acqua chi gnana ?
Un giorno come succedeva quasi sempre,prima che lui entrasse mettevamo la cattedra a filo della pedana,lui entrando buttava sopra la sua borsa pesantissima e la cattedra andava giu',ebbene il grande buccafurri per nn darci la soddisfazione si faceva le sue ore in quel modo,ovviamente interrogandoci.
Ciao Alberto

Anonimo ha detto...

1)A signurina cavadda aundè?domandava al suo arrivo mattutino in classe quando non vedeva presente la mia compagna alta e di bello aspetto.
2)E VAI VAI TANTU PI TIA O INTRA O FORA A STESSA COSA E'!RISPONDEVA DOPO L'ENNESIMA RICHIESTA DI UN MIO COMPAGNO PER ANDARE IN BAGNO.
3)ORA TI PIGGHIU E TI IETTU FORA!!!!
QUESTA ERA LA CLASSICA FRASE CHE CI DICEVA QUANDO SI ACCORGEVA CHE VOLEVI PRENDERE IN GIRO.
4)CALA,CALA,SEI?SETTI MAMAU!RISPONDEVA A CHI GLI CHIEDEVA DI METTERGLI ALMENO 6 ALL'INTERROGAZIONE.
CHE RICORDI E CHE EMOZIONE A RIVIVERE QUEI MOMENTI CON IL SUPER ALBERTONE.SONO STATO SUO ALUNNO DAL 1988 AL 1991.

Anonimo ha detto...

Grande, grandissimo Alberto Buccafurri, sono ONORATO di essere stato suo alunno !!!!

Gianfranco Scopelliti

Anonimo ha detto...

che bei ricordi che mi tornano in mente leggendo del grande "prufssuri"
ne elenco alcuni di seguito :
Una mia compagna un pò in carne lo supplicava dopo essere andata male ad una interrogazione, e lui esasperato "signorinella e chi buliti i stu poveru quattrossa?"

Oppure quando entrava in classe posava lo scudo sulla scrivania, vi si sedeva sopra "nacandu l'anchi" e diceva "oggi nterrugu sulu volontari, .....Vadalà veni o ti mentu dui?"

Quando chiamava "mi nterroga", i ragazzi "no prufissuri" e lui " siii prufissuri", "no prufissuri", "siii prufissuri","no.. ", "ora viri comu a finisci!"

le gite (mai fatte con lui). quando si organizzava ,"cu mia vogghiu sulu chiddi iati , i curti arretu.

i suoi racconti di quando era giovane , dove per smettere di fumare impregnava il fazzoletto con "u prufumu ri serbe"

e quando scorreggiava, e tutti scoppiavano a ridere .."bee, non ce niente da ridere, nu pocu r'aria"

Comunque un grande davvero!!