18 aprile 2006

PASCUNI A ......LIVORNU

  • Com' ogn' annu è tradizioni
  • ndi truvammu pa Pasquetta,
  • 'a matina nda passammu
  • nta nu bar, senza fretta.

  • Ma poi quandu 'a fami vinni,
  • 'n'ura ropu ru menziornu,
  • decidimmu all'intrasattu:
  • ndi 'nchianammu a....Livornu.

  • Ma pur se non è Toscana
  • (è 'na zona ccà vicina),
  • esti centu voti megghiu:
  • nu vaddhuni ra Marina!

  • Cunsumammu tutti cosi
  • e mangiammu com' e' pacci:
  • da la pasta, fatta o' furnu,
  • finu e' fungi nde bbuccacci.

  • Poi fu tempu di riposu,
  • longa 'a sosta, finu a sera,
  • ma, in casu di bisognu,
  • nc'era 'i scorta 'na pastera.

  • Cari amici oggi assenti,
  • vi salutu tutti quanti,
  • ccà nta l'aria c'è murfura
  • fu 'u suli latitanti.

  • Cusì a vui chi non ci siti,
  • jeu cu l'ecu ru vaddhuni,
  • dicu sulu: bonasira,
  • a vui tutti, bon Pascuni!

1 commento:

MARIO ha detto...

....Il prossimo anno non mu perdu, come ho potuto mancare a tutte queste succulenze?

Vaiu e mi iettu ru portu. Si....ma aundi?