28 agosto 2005

SACCIU JEU COMU MI SENTU



SACCIU JEU COMU MI SENTU

Cari amici treni treni,
chi partistu pomeriggiu,
‘sti jurnati furu comu
figghi privi di pileggiu.

Pochi voti ndi ‘ncuntrammu,
ebbi ‘na mala ‘ccasioni,
senza scherzo vi lu ricu:
non ci fu sorispazioni.

‘N saccu ‘i cosi vurria diri
ma non basta tuttu ‘u ‘nchiostru,
di ‘na cosa su’ sicuru:
sempri ccà è ‘u cori vostru.

Ma è la vita chi cuntinua,
passa ‘u tempu, gira ‘a rrota,
a Natali ndi truvamu
tutt’ insiemi ‘n’atra vota.

Or vi rassu, l’ura è tarda
sacciu pirchì non su’ cuntentu:
‘chì l’amici già partiru,
sacciu jeu comu mi sentu.

Vi salutu viaggiatori
di ‘sti carri senza fretta
ma vi ricu: già ndo Scigghiu
c’è ‘n amicu chi v’aspetta.


5 commenti:

Mariu ha detto...

...U sacciu ieu inveci carissimo comu mi sentu...

cacaredda liquida odorosa, pelosa, sanguigna....

ratimi nu plasilllllllll!!!!

salut

Anonimo ha detto...

U Nonnu è uno dei più grandi POETI contemporanei!!!!!!!!!!!

CARLA ha detto...

Uffa..il messaggio di prima l'ho scritto io!!!! MA ho flaggato "anonimo". Ribadisco il mio pensiero:-D

Ciao cià

Mariu ha detto...

"FLAGGATO"???????

MA COMU SCRIVI STA FIGGHIOLA DI NOME CARLONA?

MI SA CHI AVI I SCOLI!!!!

Anonimo ha detto...

grande poeta??? è poco! ho avviato la richiesta per il premio nobel per la poesia! secondo me merita!
poco obiettiva???

perchè ti firmi D.?
by a 'zia