22 marzo 2008

'A 'LORIA E' SUNATA, 'A CUDDHURA E' SPIZZATA!

Figghioli, è Pasca. Come ogni anno, non importa quandu veni, ogni vota ch'è Pasca torna puntuali 'u malutempu.
Pure le condizioni meteorologiche si adeguano, nel ricordo della passione, morte e resurrezione di Gesù Cristo.

Ieri, c'è stato il rito della Via Crucis: partenza dalla Matrice e arrivo alla chiesetta del Carmine, attraversando la via Sinuria -naturalmente illuminata a giorno dal rivestimento, ancora lì nonostante abusibvamente realizzato, come chiarito in diverse occasioni- la piazza San Rocco e la via Umberto I.
Nutrita la partecipazione della gente, a dispetto del freddo e degli spifferi di "vilenu" che ti accarezzavano la cozzarina tra 'na vineddha e 'n'atra.

Oggi, giornata di riflessione, in attesa che spari la 'Loria e si possa festeggiare la Pasqua.

Com'è tradizione, nelle case scigghitane è forti 'u scuiauru di dolci e dolcetti vari: ova 'i Pasca, colombe farcite cu cedru, stracetti e, per finire in bellezza, il tipico dolce pasquale: 'a cuddhura (o cuddhuraci, comu rinnu a Riggiu).

E' pasta frolla, 'ntrizzata in varie forme:treccia, esse, tarallini, a stella, ecc. Ma la cuddhura classica è chiddha a panareddhu, guarnita con tanto di uovo sodo d'ordinanza.





(Immagini tratte da: www.lagazzettadelmezzogiorno.it e www.giallozafferano.it)

Quandu ancora l'ova i Pasca non se li potevano permettere tutti, ogni bambino aveva la sua bella cuddhura -motivo d'orgoglio delle proprie mamme- che si distingueva dalle altre oltre che per aggiunte varie (una passata di ovu sbattuttu per dar loro un po' di colore, opppuru palline di zuccuru colorate, ecc.), principalmente per l'iniziale del proprio nome, 'mbiddhata proprio sopra la cuddhura-panareddhu.

Mi raccontano che a Scilla, c'era una bella tradizione.
L'aviti presenti 'u Natali, quando i figghioli portano in chiesa 'u Bambinuzzu per farlo benedire? Beh, qualcosa di simile avveniva puru durante la messa della notte di Pasqua, a conclusione della veglia.

Infatti, i più piccoli, calavunu a' cresia con la propria bella cuddhura, 'ntrusciata ben bene e, allo scoccare mezzanotte, quando, salutata dal risuonare gioioso delle campane, sparava 'a 'Loria, in segno di festa ciascun bambino rompeva la propria cuddhura. Da qui il detto:'A 'LORIA E' SUNATA, 'A CUDDHURA E' SPIZZATA!

Tanti auguri di buona Pasqua a tutti!

2 commenti:

rossana ha detto...

cuddhura....buona, quando non è fatta a' prescia e resta cruda...ma a faciumu i notti viatu viatu picchì cusì voli a tradizioni.. (vedi la cuddhura di via Nazionale) oppure cotta fino mi si bampa a forma i cori cu l'ovu supra e na bella "Iniziali" (vedi la cuddhura i me soggera che passi iurnati mi di faci "u cori" a tutti nori niputi e figli)Pasqua è anche questo...ma la mitica pastiera...a pastera i Riggiu come si può dimenticare...caro Nonnu Buona Pasqua!!!

u nonnu ha detto...

Ha ragiuni, 'a pastera! comu potti fari mi ma sperdu?
In verità, mi ricurdaia appena chiuria 'u computer, ma confidavo nel fatto che qualcuno se ne sarebbe certamente accorto. E cui megghiu 'i 'na riggitana?